Vacanze Al Mare = Stesura Curriculum Vie

Tra un rammarico e l’altro, vuoi per la scarsa attività di quest’anno e per questi giorni di stabilità in montagna quando io son con le “palle” al sole, ho colto l’occasione per impegnarmi a stendere il mio curriculum delle vie.

Ho cercato di inserire tutto quello che, negli anni, ho riportato sul mio libretto. Mi sono accorto che, purtroppo, qualcosa manca, in particolare nei primi anni di attività…ma vabbè, così è la vita!!

Se volete info su qualche via che trovate sulla mia lista non esitate a chiedermelo.

Buone scalate a tutti.

Annunci

Combinazione “Segantini-Renata Rossi” al Colodri

Nella sfortuna, abbiamo avuto fortuna!!

Sabato mattina, mentre Arco e tutta la Valle del Sarca si stava preparando al diluvio universale,io e Beppe Chiaf siamo riusciti a fare, di gran corsa, una divertente combinazione di due vie gia scalate in precedenza da entrambi.

Armati di corda singola, 10 rinvii, una serie di nut ed un inutilizzabile friend Camp attacchiamo i primi 2 tiri della via “Segantini”(dovrebbero aggirarsi sul 6c) e poi, obliquando a sx, ci congiungiamo alla via “Renata Rossi”, conclusasi in 3 tiri lunghi (unendo in uno due lunghezze di corda a tiro).

Di corsa raggiungiamo il parcheggio della piscina Prabi scendendo a Laghel e passando per il paese perchè ATTENZIONE!! la ferrata del Colodri è chiusa con tanto di transenne, cartelli e divieti. E’ bastato il tempo di mettere gli zaini in macchina che il cielo ha cominciato a scaricare secchi di acqua.          Guardando la parete pensiamo a quella povera cordata impegnata sugli ultimi tiri dedlla via “Guru Bassi”…..

La giornata si è conclusa con 60 km di vagabondaggio tra le valli limitrofe alla ricerca di pareti ancora semi-vergini, 140 euro a testa spesi tra i negozi e una bella coda per incidente alla galleria di Anfo sul lago d’Idro.

“La Classica” Pala di Gondo

Incontri Ravvicinati Del Terzo Tipo

…e si che chiamarla classica è tutto dire!!!!! Ma stavolta la sottovalutazione dell’itinerario mi ha regalato stanchezza e belle paure!

08/08/2010 Nonostante le ultime piogge  la parete è asciutta e, domenica mattina, al posto della via “Raggi di Sole”, optiamo per la più lunga e più alpinistica “Classica” della parete. Continua a leggere

Via “Heaven” 240mt ED III SR2

Finalmente!!!! Mercoledi 04/08/2010 io e Beppe siamo tornati in Catinaccio, come ci eravamo promessi, ed approfittando di una finestra di tempo stabile abbiamo concluso la via addocchiata 3 anni fa ed iniziata domenica scorsa.

Ora, lo posso svelare, la Pala Della Ghiaccia conta un’altro capolavoro di logicità e stile: eh si, perchè la Via “Heaven” (dedicata al nostro povero amico Michele Avanzi precipitato mentre praticava Base Jump) segue una serie di placche e diedri di roccia superba e dalla chiodatura allegra.

Tutto il materiale è stato lasciato in parete e comprende 24 chiodi e 17 fixe inox (comprese le 5 soste che ne hanno 2). Continua a leggere

Ci Siamo Quasi

Era il 15/07/2007 quando io e Beppe Chiaf tentavamo di “assaggiare” le placche ancora inviolate di questa bellissima parete nel Gruppo del Catinaccio. Pochi erano stati i metri saliti, a causa della difficoltà di protezione che la roccia offriva (immaginatevi tratti di roccia compattissima, dove a parte i fix poco si riesce a piazzare) , ma non c’eravamo dati per vinti, promettendoci di ritornare più allenati.

Ieri, 01/08/2010, siamo tornati su quella parete e, aiutati (MA NON TROPPO!!!!) dal mio Wurth, siamo riusciti ad arrivare circa a metà parete. Per ora tre sono i tiri aperti, tutti abbastanza impegnativi, su roccia super  stile Vallaccia/Meisules. Le lunghezze hanno raggiunto , per ora il 6c+/7a e si aggirano attorno ai 50mt l’uno.

Sperando che non passi ancora così tanto tempo prima di ritornarci, mi auguro di poter riportare qui al più presto la relazione, dando tutte le indicazioni del caso per invogliare il pubblico scalatorio a ripeterla.

PS. Ho cominciato a battere nell’archivio del blog il mio curriculum ma, essendo ancora alle prime armi con la gestione del sito, ho buttato 4 ore di lavoro, inserendo tutti i dati in un file errato. Beh, ci vorrà ancora qualche giorno per rifare il tutto…sbagliando s’impara!!!