Stavolta pure in inverno…..”Trèi Magi” Parete NW Cima Serauta

E’ tanto che pensavo  a quella goulotte…tutte le estati, mentre solitamente discendo il ghiacciaio di corsa verso il Passo Fedaia, lo ammiro e mi immagino il tetro ambiente in cui si svologerebbe la salita, illuminata però dal riverbero del sole che riflette sulle lisce placche del Sass dle Undes.

E’ cosi, che sabato mattina ore 4.00, io e la nuova leva, “Pippo”, partiamo alla volta della Marmolada.

Tra mille discorsi e mille linee di ghiaccio che si alternano sui lati della strada, arriviamo al parcheggio del Passo, abbagliati ed esterefatti dall’imponenza del Monte Civetta. Pippo è preoccupato, più forse per l’ansia da prestazione visto la mia presenza, che dall’ambiente circostante……ma basta meno di un’ora che la situazione si capovolge: dall’attacco si vede la candela a metà via di 5 che obbliga la prosecuzione verso la vetta.

Piantiamo, così, gli sci nel conoide di neve che precede il canale e, di conserva, iniziamo l’ascesa. I primi 150metri si presentano su neve semi dura, con dei passaggi di misto facili intorno all’M3, che il giovane alpinista risolve con agganci di picca ballerina mentre io, ancora in conserva, cercavo disperatamente di piantare almeno un chiodo per fare sosta. Ebbene si, trovare punti non friabili o comunque idonei per piantare dei chiodi, è stata un’impresa che ha richiesto molto tempo, sia in salita che in discesa. Arriviamo alla base della candela, chea prima vista sembra molto piu facile di 5 e anche ben piu corta di quello che pensavo. Le mie impressioni però erano ben più che errate…un sottile strato di ghiaccio ricopre un tubo di neve, dove ne viti, ne picche e ne ramponi consentono una progressione al massimo della sicurezza. Ne vado fuori discretamente, preoccupato piu per la responsabilità verso il compagno, che per la difficoltà del tiro che, tutto sommato, ha confermato le impressioni avute inizialmente. Riesco a fare sosta una quindicina di metri dopo l’uscita dal ghiaccio, su chiodi piantati solo per un terzo della loro lunghezza. Pippo, arriva esultante dalla candela, urlandomi che è riuscito a salirla no-resting…gli faccio i miei complimenti, invitandolo a non accendersi sigarette mentre scala, sopratutto mentre risale i faticosi pendii…al secondo sberlone sul casco ha capito l’antifona🙂

Risaliamo nuovamente il canale che, come anche nella parte bassa, presenta numerosi scaverni verso il basso, segno delle abbondanti nevicatedi inizio stagione e del forte vento che ha accumulato neve durante la settimana. Comincio a sfondare, o meglio a scivolare indietro sullo spesso strato di neve “densa”. Il couloir si stringe e alcuni passaggi vengono risolti in spaccata tra un lato e l’altro del piccolo canyon.

Arrivo al sasso incastrato dove, secondo la relazione, si sarebbe dovuto passar sotto. Impensabile ora per le condizioni…la neve,nella parte alta, arriva a livello del masso, mentre sotto dovrei scavare oltre il metro per creare un tunnel, col rischio di rimanere sottoin caso di cedimento della neve inconsistente. Tiro fuori gli artigli e, dopo un  po di titubanza, riesco a conquistare il masso passando dall’esterno, ma…………brutta storia…….un’altro insormontabile, precario e rognoso tappo di neve, ostruisce il breve tratto di roccia che da accesso alla vetta. Per un attimo decido di osare ma, l’esperienza ed il buon senso mi suggeriscono di tornare indietro, anche perchè ho solo 5 chiodi e circa 7 doppie!!! Ridiscendo arrampicando e comincio ad attrezzare le soste. Utilizzo un paio di spuntoni moooolto friabili per calare il compagno, mentre io percorro a ritroso i tratti di pendio. La calata dalla candela, riesco ad attrezzarla con un universale (1/3 piantato) ed una lametta a circa un metro uno dall’altro. Arriviamo all’ultima calata, attrezzata con un solo chiodo ballerino, ma che se tirato verso il basso prometteva una sufficiente tenuta…e così, ovviamente, è stato.

Calzati scarponi e sci, ormai ci aspetta solo una bella sciata fino alla macchina.

One thought on “Stavolta pure in inverno…..”Trèi Magi” Parete NW Cima Serauta

  1. SVERGINATO DAL GUERZA CON QUESTA MIA PRIMA USCITA…MICA MALE!!!!
    CHISSA’ SE MI RIVEDRO’ SU QUESTO SITO, MAH!
    INTANTO GRAZIE ANCORA
    CIAO

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...