FINALMENTE!!!!!! Prima Ripetizione Invernale Di Dr.Gore e Mr.Pile al Cornetto di Salarno – La Via Più Dura Dell’Adamello

PER QUESTO ARTICOLO VISITATE ANCHE IL SITO WWW.DESNIVEL.COM.                                                                           Voglio dedicare questa salita al mio amico Beppe Chiaf, al quale ho portato omaggio in vetta al Cornetto piazzando il suo martello da scalata sulla sua cima con una targhetta in suo ricordo. Per fare questo articolo, mi ci vorrebbero pagine e pagine a disposizione…basti pensare i weekend buttati via quest’inverno per rincorrere un sogno che, a quanto pareva, stava diventando un incubo. Quanto vale compiere un’ascensione di una via ambita e temuta al tempo stesso? Quanto vale salirne una poco ripetuta ma chiaccherata da tutti? Quanto vale salirne un’altra, con queste caratteristiche, in inverno dopo giorni e giorni di assedi? Per me è stato un grande colpo nella mia carriera da alpinista….ho capito quanto posso essere testardo, determinato ed ostinato per raggiungere un obiettivo. Magari per Dario Sandrini, compagno improvvisato per il colpo di coda alla via, non sarà lo stesso….in effetti potevo aspettare la fine dell’inverno per attaccarla, ma sarebbe stato troppo facile, e non avrei capito come si comporta una parete liscia, a 2900mt di quota, a 5 ore dalla civiltà, con 15 tiri che passano l’VIII+, non ripetuta da chissà quanti anni visto il materiale in parete, e chi più ne ha più ne metta…….in inverno. Un ringraziamento speciale vorrei rivolgerlo in primis a Fabio Deambrogio, che fino all’ultimo mi ha seguito per questo progetto, battendo km e km di traccia nella neve fino anche alla vita, patendo freddo e vento sia in parete che al bivacco, che sfinito dal micidiale avvicinamento ormai quasi settimanale ha dovuto mollare (GIUSTAMENTE!!!!) questo pazzo ambizioso. A seguire ringrazio Andrea Cominelli e Nicola Borgogna che in due occasioni mi hanno fatto da portatori. Per ultimo, purtroppo o per fortuna per lui, al caro ma ormai ex amico Pippo, il quale non ha saputo resistere al richiamo della gnocca o dello gnocco, ed ha mollato fin da subito questo progetto che gli avrebbe sicuramente fornito l’esperienza per rincorrere i suoi progetti. Quanto alla via, ho seguito la relazione del Sandro DeToni, ovviamente ben curata e dettagliata. Siamo però riusciti a trovare la via giusta anche dove lui, all’epoca, fece fatica. Allo stato attuale credo che la via non venga ripetuta da molti anni….tutti i cordini si sbriciolano in mano, tutti i chiodi son da ribattere ma gli spit sembrano ancora buoni. Portare una serie di friends, noi fino al 3cam, una di nuts e 2 chiodi a lama per il tiro chiave. Su questa lunghezza il primo di cordata deve prestare moltissima attenzione….io sono partito bello gasato sull’esile fessurina, ma quando mi trovavo quasi al suo termine, il bordo ha cominciato a sgretolarsi, facendomi fare dietrofront incalzando una progressione in artif su microfriends e micronuts…..ATTENZIONE ALL’EXPANDING!!!!!! Per uscire in sosta il cordino per l’A0 all’ultimo spit mi si è sbriciolato, quindi piantare due chiodi a lama rovesci sotto al tettino per arrivare ad esso. Per i bassi tanti auguri!!!   Mentre assicuravo il Dario che saliva pensavo alla via che venne terminata 17anni fa dal forte Matteo Rivadossi e dal compagno DeGiacomi, con l’aiuto di Damioli durante i primi assedi…un trio alquanto in controtendenza per l’epoca… salivano in apertura queste lisce placche con una mezza corda da 8 e un basco con ponpon al posto del casco!! Alpinismo d’altri tempi ma con etica futuristica!! Alla faccia di quelli che, invidiosi, gufavano dalla morena sottostante ed in sordina sparlavano di quei pazzi giovani che si spingevano oltre l’ignoto…i matusa giravano e girano tutt’oggi liberi senza guinzaglio ne museruola tra i massi del Salarno!!

Beh, come prima via della stagione non c’è male considerando solo due uscite su roccia in tutto inverno!! Tante grazie Dario per avermi ascoltato, e prego per il bel pacchetto completo che ti ho riservato!!

7 thoughts on “FINALMENTE!!!!!! Prima Ripetizione Invernale Di Dr.Gore e Mr.Pile al Cornetto di Salarno – La Via Più Dura Dell’Adamello

  1. Complimenti!!! Finalmente in cima dopo tante peripezie, sentiero da tracciare e ritracciare, alberi che sbarrano la strada, metri di neve ventata che ci nasconde il sacco, il freddo, la fatica di un interminabile avvicinamento. Eppure quando ti leghi e si parte tutto questo si dimentica…

  2. Complimenti vivissimi a te e Dario per la ripetizione! Io l’ho fatta nel settembre 2002 e l’avevo trovata bella e parecchio impegnativa! Ad ogni modo, bravi anche gli apritori, ma col cavolo che sul tiro chiave (quello del tettino), in apertura, hanno messo quello spit distante, dal basso. Ai tempi non avevo il grado di oggi, ma credo di poter affermare con una certa sicurezza (tral’altro, opinione non solo mia) quanto detto sopra. Bravi ancora! Ciao Filippo

    • Bravo guerza, ormai era un parto! Non vorrei sfidarti ora sull’avvicinamento!Leggere invece che qualcuno non crede che a quello che ha visto, se da una parte mi rattrista dall’altra è forse il più bel complimento. Sono salito dal basso dove per altri non è ancora possibile, 18 anni dopo!
      Caro Filippo, certo che tu e i tuoi soci invidiosi dovrete tirarne ancora tanta di plastica! Se adesso pensi di avere il grado vai a farti un giro sulle altre mie 10 vie! Così almeno capisci di non dire cazzate.
      matteo rivadossi

      • Caro Matteo, non so dirti se ora ho il grado per poter fare meno fatica di dieci anni fa sulla tua via e passare con meno difficoltà. La mia era l’impressione avuta allora e, non a caso, ho specificato l’anno. Se poi mi sono sbagliato, non ho problemi a dirlo. Quella era la mia impressione di allora. Tu dici che era sbagliata.., va beh, ti credo. Senza polemica, Filippo

  3. vista la temperatura l’altro ieri mattina all’attacco della via, fatico a immaginare la ripetizione invernale!!

    ma adesso goretex è stata richiodata? noi (non trovando l’attacco di asterix) abbiamo attaccato gli spit viola-rosa (a sx del nevaio alla dx del quale parte il soldato) e li abbiamo seguiti fino a trovarci su quello che credo proprio sia il chiave di goretex (tra l’altro sul passo di A0 lo spit non ha più il cordino!! e io che sono basso ne ho viste quattro a raggiungerlo senza staffe!!).
    qualcuno sa dirmi se abbiamo ripetuto goretex o un’altra via? (aveva le soste (quasi) tutte nuove con cordino giallo e anello di calata..).

    • Ciao, penso tu abbia ripetuto Gotica. L’hanno scorso ho fatto la prima ripetizione e ricordo il colore degli spit. Dottor Gore ha pochissimi spit e chiodi, fai fatica ad intravedere la linea. Fa conto che parte a 10-15 mt a dx di Gotica. Quest’ultima e’ stata aperta circa 2 settimane prima della mia ripetizione. Che io sappia non e’ più stata salita. Se guardi gli articoli di settembre 2011 sul blog trovi tutte le info. Ciauuuuuu

      • esatto!! ho guardato la relazione e corrisponde perfettamente!! (avevo guardato tutte la altre ma gotica no, non so come mai!!!! abbiamo fatto proprio gotica, poi, dalla sosta prima del diedro nero, abbiamo attraversato (non avendo la relazione e non vedendo nulla sopra!!) a destra fino alla s10 di goretex!

        torneremo per le ripetizioni filologicamente corrette! intanto era per noi un ottimo primo assaggio della val salarno (un bel regalo per i nostri vent’anni!)😀

        grazie mille della risposta.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...