Agaro.-.-.-.-.La Nuda Roccia!!

Questa domenica siamo in 4….oltre ai due disperati delle ultime uscite (Bioffa e Pippo), si unisce alla combriccola del Blasco….ehm…del Guerza, il caro vecchio amico e compagno Beppe.
L’invito è allettante x tutti, infatti il mio sabato mattina e pomeriggio è stato un full immertion di relazioni e posti nuovi da vedere e cercare. Ed ecco, infatti, che pucio fuori dalla patta un posto che risulterà, come vedremo, da urlo…..e la scalata da orgasmo!!
La Valle Antigorio, è una bellissima valle, molto verde e chiusa ai suoi lati, paragonabile ad un mix tra Valle di Daone e Valle di Mello.
L’accesso al lago artificiale di Agaro, avviene percorrendo una galleria di 1500 mt molto stretta e cupa…c’è chi ha definito questo tratto di strada, il tiro chiave della via!!
Per raggiungere la nostra parete, di granito grigio satinato, bisogna costeggiare la sponda sx del lago, attualmente ghiacciato, ed i nostri sguardi non possono fare a meno di addocchiare le panciute pareti nero pece del Mirror Lake e del Pinnacle, dove sono state tracciate delle elegantissime vie dalla roccia molto strana…difficile da spiegare se mai vista.
Passiamo davanti alle baite Walser, in riva al lago, e in pochi minuti raggiungiamo l’attacco della nostra via. Scalpitiamo dalla voglia di attaccare il primo tiro di 7a su placca di aderenza spietata ma ben protetta a spit.
Le cordate oggi saranno: Io e Pippo, Bioffa e Beppe.
Parto io….figata….ahhhhhhh…….uhhhhhhh……arrivo in sosta riuscendo ad avere la meglio sul tiro. Esultando richiamo l’attenzione dei compagni indicando il tiro successivo in fessura…
Recupero Pippo, che rapidamente parte per il tiro successivo e cosi, dopo poco, mi ritrovo in sosta con Beppe come una volta, tra un complimento e una pacca sul casco (stavolta direttamente in testa perchè il casco era rimasto negli zaini).
Fatta la fessurona di 6b, si passa ad un bel tirone di 60mt, un po psico, su placca di 6c+ che riusciamo a superare tutti a vista, anche se chi si è trovato da capocordata ha rischiato di vedere i sorci verdi!!
Siamo sul cengione erboso….fa molto caldo anche se siamo a circa 1800mt….penso alle vipere, ma finchè non le vedo vado tranzollo. Mi sciallo sui massi a piedi nudi aspettando gli altri. Ad un tratto il Bio fa uno scatto….un viperozzo a pochi cm da lui….altro scatto di Beppe, altra vipera. A fine giornata, attorno a quei 4 massi dove eravamo, conteremo 6-7 vipere…FIGATA!!!! ndr. procurarsi miccette di capodanno per sgomberare la zona, in caso di ripetizione.
Tiro in fessura di dita (7a) con dulfer e altro tiro in strapiombo e dulfer aerea di solo 6b+. Da qui in poi le cordate si dividono. Io e Pippo/trad proseguiamo mentre gli altri, giustamente cotti dal sole come noi ,buttano le doppie.
Delirio…orgasmo….parte Pippo su fessura ad incastro, purtroppo spittata, fin sotto ad un doppio tetto che si passa fuori grazie a due tallonate e tanto sangue freddo…..eppure Pippo/trad passa on sight, ed io lo seguo a ruota. Arrivo in sosta pulito, ma ben stanco e dolorante e mi complimento col compagno. 4-5 doppie e raggiungiamo gli zaini. Bella storia, sono riuscito a salirla tutta in libera!!
Il godimento arriva il giorno dopo però, quando ricevo un link del Bio di Ossola Climb……alcuni ripetitori hanno reputato la via insalibile……beh quale miglior soddisfazione per la mia prestazione e quella dei compagni, che senza essere local ne specialisti ma zingari delle alpi, sappiamo destreggiarci discretamente su svariati”terreni”.
Per una ripetizione portarsi una serie di friend fino al 4cam, una serie di nuts medio-piccoli e 10 rinvii.